All rights reserved © 2008 PsychoLand ~ visions of elsewhere

One is motionless, white and black, the other is light, stained and colouring; they’ll meet and then, perhaps, they’ll be in love.
It’s life, ineluctable.

L’immagine di Carnaval non rappresenta un’azione reale ma un’espressione figurativa, un’"immagine". È pur vero che in una successione di avvenimenti c’è sempre qualche cosa che resta al di là dell’immagine; ed anche in Carnaval non potrebbero mai esserci pure forme, pure e semplici apparizioni: c’è sempre una relazione di causa e d’effetto. Ogni stadio della narrazione può apparire come espressione figurativa.
A tal proposito, già Bèla Balàzs, nel suo Estetica del film, sosteneva che «la relazione di causa-effetto rimane al di là, come un dato di fatto che noi conosciamo, ma che nel quadro non vediamo. Una cosa sola è tutta fuori del tempo e dello spazio. Ed anche da ogni casualità. Diventa una semplice apparizione, niente altro che una visione. E qui siamo nella sfera del film assoluto». [Bèla Balàzs, Der Geist des Films, Berlino, 1931]
Ora, non tutte le sequenze audiovisive che ogni giorno i nostri occhi hanno l’opportunità di catturare rispondono necessariamente a criteri prestabiliti di congruità ed esattezza. I semplici fatti di vedere e sentire non soggiacciono, in ogni caso, a meccanismi di montaggio, moviola, postproduzione.
Ecco: l’esperienza di Carnaval si muove giusto dalla parte opposta rispetto alla convenzione dell’offrire esattamente ciò che si vorrebbe vedere (la realtà quasi mai funziona così, neppure quella più visionaria), del "dover limare", il "dovere per forza aggiustare" per rendere "conforme a" un’aspettativa: viceversa, la sequenza audiovisiva è semplicemente l’espressione figurativa del carnevale che i miei occhi hanno veduto. L'intelletto (la mia anima) ha quindi drammatizzato il conflitto tra i due antagonisti (l'uno immobile e bianconero, l'altra dinamica, colorata e colorante), il loro incontro e poi ancora, forse, l'amore. La vita, ineluttabilmente.
Se c'è egoismo in una siffatta rappresentazione, d'altro canto non c'è convenzione, ma libertà assoluta da essa.


Title: Carnaval
Country of production: Italy
Year of production: 2008
Producer: PsychoLand (independent)
Running time: 2’00”
Language: italian
Original format: mini DV
Colour: b&n / colour
Aspect ratio: 1,78:1 (16:9 screen format)
Story: La valigia by Antonio Giuseppe Valenti
Screenplay: Antonio Giuseppe Valenti
Direction: Antonio Giuseppe Valenti
Assistant Direction: Marisa Mangano
Photography: Antonio Giuseppe Valenti
Editing: Antonio Giuseppe Valenti
Original soundtrack: Marisa Mangano, Antonio Giuseppe Valenti
Sound: Marisa Mangano, Antonio Giuseppe Valenti

Carnaval [poster]

Carnaval [DVD cover] Carnaval [DVD label]  

por(n)jet
GozZilla d'Acquedolci
prodromal sight # 1
promo
Facili forme
Le pietre e il cielo
Carnaval
La bestia
Senza fine
(torna) b same
trailer
the making of
english version
french version
japanese version
TV in Corto 2007
b same
RetroSys 2006

Il surrealismo di Antonio G. Valenti
Sali in macchina a dirmi
Palazzo Trabia, 18 maggio 2005 (pt. 1)
Palazzo Trabia, 18 maggio 2005 (pt. 2)
Gaetano Di Giorgio piano improvviso
servizi TG
servizio TG 24 agosto 2005
I'm livin by GFC (1990)
performance # 1
performance # 2
Autunno d'Arte 2007
Stop (performance 4 maggio 2005)
L'analista analizzato
Villa Piccolo
spot TV
Gaetano Di Giorgio
introduces himself
plays Korg PS 3200
Cyane
La figlia del sole