Domina il mio sguardo una pietra, sasso comunissima materia che è e basta, col colore determinato che ha un sasso, che è il colore della pietra: quale altro colore potrebbe avere una pietra che poi semplicemente pietra è? E ciò basta a che abbia quel colore: il colore del sasso. Il sasso sta « H » (nell’unico preciso senso di consonante che non dice: se la pietra potesse dire/non dire, direbbe/non direbbe « H », semplicemente, perché io così ho deciso e mi sembra onesto così) punto
Piano piano, da sotto a quella massa si muove qualche cosa, qualcosa si muove da sotto a quella pietra. È la testa verde di una lucertola, semplicemente: una lucertola, verde, che arrampicandosi sale sopra al sasso. Al sole, sì, al sole deve stare. Deve stare al sole la lucertola, perché vuole la natura così e così pure a me sta bene, semplicemente. Ed essa proprio là ora sta « AH! » (« AH! » essa direbbe infatti, se potesse dire la soddisfazione che c’è a prendersi il sole sopra una pietra).
Sulla pietra e sulla lucertola ora un’ombra si disegna, l’ombra mobile di un’ala. L’ala del rapace – intercettata la lucertola lieta, appagata, all’oscuro (giammai poverina: semplicemente è così che la natura ha progettato e progetta e a me, in fin dei conti, sta pure bene). « GNAM! » (« GNAM! » farebbe, deglutendo, il ghermitore spaziale se conoscesse il modo di dire: beccata; farci capire: l’ho mangiata, semplicemente).
Via volando, via verso il nido sta volando, che da qua pure si vede. Non vedi dove ha fatto il nido quella bestia? Sì che si vede, e da qua magari la prendi. Se aspetti, quando si posa tu tiri. « BLAM! » è secco (semplicemente) il tuono del mio archibugio che dirocca il rapace.
Vinco su tutto semplicemente perché sono un uomo. Ho l’indiscusso dominio del mondo, semplicemente perché sono uomo. Niente può annientarmi: io sono l’uomo, semplicemente.
« 33! Ebbene, che si dice là dentro, dottore? »
« Niente ».
« Come sarebbe a dire, niente? »
« Niente di buono, semplicemente ».


 



All rights reserved
© 2005 PsychoLand ~ visions of elsewhere

La bellezza dello sgorbio

Karate icon. Io sono Luca Valdesi (incipit)
Incomprensione (incipit)

Ravavindrano (incipit)
L'elezioni
Selene, Maria

Il ricordo di Jezabel Khan

All'ultimo momento

Madonna nuda
Il ramo e la finestra
4'54"
Due farfalle
Uno scritto al suo scrittore
AnemoNero
Pannone
Il graffio parlante
Alcune considerazioni sulla bellezza dello sgorbio
Papà a Natale
Il Re puntino
Lettera elementale n. zero
Lettera elementale n. uno
Lettera elementale n. due
Lettera elementale n. tre
Lettera elementale n. quattro
Lettera elementale n. cinque
Paranoid lunch
L'Inganno di Becky
Il Zero
La valigia
Arancia
33
Non si lamenta
In farmacia
A memoria supponente (Hommage à César Franck)
Nell'officina del maglio a vapore
Ora
The scent of magnolia

Domani, al limite
Titolo, opera, contenuto
Sali in macchina a dirmi
Altrove III
Stop
Buona notte, Caos
Rovinosa mente
Costruisci una frase usando il verbo amare
e poi fai l’analisi illogica

Grandi manovre (Campus)
Appuntamento
Lettera a Sir Joe
Un momento di solitudine
Puff! e l'onomatopea. Storia di un uomo che disparve
Michele della miniera
Dialogo tra la mia Mano Destra e la mia Mano Sinistra
Anne
Edificazione d’un hysteron proteron
su un fazzoletto di flora intestinale.
Il pensiero arcuato

Lettera a mio padre
Alla castellana
Per l'ultima volta un cane, un pollo, il caso e la luna. Lettera ad una scrittrice
Appunti sul suicidio di un entomologo algerino residente all'estero
Shinkansen Majorana