Mentre inseguo un movimento che lambisca le parole e gli spazi pertinenti, accordando il mio risveglio al velluto di una danza, trovo un moto che trascina i miei pensieri nel groviglio di un roveto. Sognato ho già in passato tante altre cose: pelo di cane sfiorato con diletto e mi lavo poi le mai, al mattino, col rigor dell’intelletto. Un pesce dalle squame liberato, sì, eliminato va l’odore lavandosi le mani; se il taglio è degno dell’altezza, io pago, tu spazzi e laviamoci le mani. Giusta è sempre, vuoi o non vuoi, la durata dell’altrui metraggio: sentitamente porgo ma le mani, poi di corsa, me ne lavo. Sogno spesso e perciò scrivo a questo modo (o per forza, io sognando a questo mondo) e non in altro (semmai talvolta altrove), lasciando che la penna possa dire cose nere. Come questa notte che mi sveglia innaturale, mi fa gemere – quando mancano due ore – per un sogno che stavolta mi spaventa. In Palermo mentre dorme la nottata, riavvolgo tra lenzuola il ricordo di una strada. A stregarmi c’è un pensiero: chi va cercando AnemoNero?
Asciutto ha il volto e macilento, le braccia filiformi come i vermi della frutta. Odoroso AnemoNero, fiore vagabondo per le neglette strade di Palermo che non sanno, né lo sa Palermo tutta che pur di quelle strade ha la piena proprietà, giammai immaginerà chi l’avrà trafitta ora. Graffia i muri con le ciglia, ne spizzica gli angoli che atterrano in polvere, lieve e sottile, come neve artificiale sui laghetti vespertini. Sui marciapiede passa, biascicando un sonno malnutrito, i piedi bianchi e nudi sospesi un palmo su gli avanzi di un altro giorno sterminato, umiliato per intero tra le sponde del mercato, presente allampanato di bilanci in negativo, già passato. Piedi sdrucciolanti sull’acciottolato e roridi al par d’esso, levigati e curvi, scuri i suoi piedi come cespi sfatti di verza e finocchietto, scarto di banchetti e di putìe che orlano il Capo, quello riferito dalle vecchie incisioni, nei racconti d’altri o stampato sulle reclame, il Capo quel che ancora per davvero è. Umide e fredde le piante, dita piccoline con l’unghie arpionate all’aria, dieci a dieci a dieci. Mariane le caviglie. Monte da sogno, inimmaginabili, che sforbiciando sfiorano l’erbavoglio a ciuffi e la cipressina.
Sconosciuta mi è la consonanza a questa apparenza o a quella, a nessun sembiante potendo io approssimarne la visione. Per mio difetto solo è dunque che l’immagino femminea, nella forma e nel tacere compiaciuto come di tranello facile a tendersi in una notte senza luna; per l’esclusive curve che son d’essa nel volare sul nefando e vile manto di bitume, leggera spaventevolmente, incurante del fardello di mondezze che disassano il mondo. Va mareggiando qual semenza allo spiro della notte sottovento, ramingo spermio nero chi lo sa per quale via, ed io non so far altro che paralizzarmi al pensiero di un ondulare infreddolito e occulto, occhio senza sonno e bocca muta senza fame, corolla invertebrata, anima sciupata, arma cosmopolita, lievito di peste. Senza mossa, dal mio letto solo guardo alle finestre. Dal Borgo Vecchio e stinto una luce sghemba trapana la stanza e muore addosso alla parete, sopra alla mia testa, impetrata come un cippo intonacato. Fremo al pensiero che possa avermi già trovato; giungendo sotto casa, che abbia proseguito facilmente in su per il prospetto, che sia magari sdraiata ora sopra al tetto o ancor peggio a quest’ora è qua, sotto al davanzale, come una trivella appollaiata a testa sotto, come un pipistrello assetato che mira alla falena. Ma sul momento schiuma in me un’altra onda più fragorosa e fonda, ben più intenso è il disgusto che mi dà, come olezzo di un vapore incensatore all’esequie di creature che so bene appartenere a un altro mondo. Nel cavo del petto si aggruma il senso di un conato, allorché sospetto che forse AnemoNero non c’è, là fuori in agguato, di là del vetro, né stanotte mi ha insidiato. Né stanotte né mai prima – mi contorco in un sussulto – e forzandomi a pensare che il reflusso più graffiante è di un pesce grosso divorato con la lisca, ecco che trabocca, dalla mia bocca, l’universo.

 

All rights reserved © 2008 PsychoLand ~ visions of elsewhere

 
La bellezza dello sgorbio

Incomprensione (incipit)
Ravavindrano (incipit)
L'elezioni

Selene, Maria

Il ricordo di Jezabel Khan

All'ultimo momento
Madonna nuda
Il ramo e la finestra
4'54"
Due farfalle
Uno scritto al suo scrittore
AnemoNero
Pannone
Il graffio parlante
Alcune considerazioni sulla bellezza dello sgorbio
Papà a Natale
Il Re puntino
Lettera elementale n. zero
Lettera elementale n. uno
Lettera elementale n. due
Lettera elementale n. tre
Lettera elementale n. quattro
Lettera elementale n. cinque
Paranoid lunch
L'Inganno di Becky
Il Zero
La valigia
Arancia
33
Non si lamenta
In farmacia
A memoria supponente (Hommage à César Franck)
Nell'officina del maglio a vapore
Inedia?
Buona notte, Caos
Rovinosa mente
Costruisci una frase usando il verbo amare
e poi fai l’analisi illogica

Grandi manovre (Campus)
Appuntamento
Lettera a Sir Joe
Un momento di solitudine
Puff! e l'onomatopea. Storia di un uomo che disparve
Michele della miniera
Dialogo tra la mia Mano Destra e la mia Mano Sinistra
Anne
Edificazione d’un hysteron proteron
su un fazzoletto di flora intestinale.
Il pensiero arcuato

Lettera a mio padre
Alla castellana
Per l'ultima volta un cane, un pollo, il caso e la luna. Lettera ad una scrittrice
Appunti sul suicidio di un entomologo algerino residente all'estero
Shinkansen Majorana