« Solo. Immemore. Cortometraggio di te stesso. Sintassi asfissiata. Perché sei tu?»
( Narcotizzato )
« Perché sei così? »
( Straripante, tentacolare )
« Io sono autentica, cristallina nella mia opacità e tu hai me stessa. Ma se ora non vuoi parlare, almeno destabilizzami, scartami ancora, fammi sentire una stupida. Io ti voglio. Come Vita vuole Morte… »
( Inevitabile? )
« Inevitabile. Il desiderio di te si sta espandendo fino a coagularsi nel ventre; ho respirato il tuo dolore, godendo... e ti puntellerei di parole, ti squarcerei la vita… Perché te ne stai lì fermo, in silenzio? Dammi dolore, più che puoi. La mia voluttà si sta dimenando… scrivimi solo una parola, quale delle possibili erezioni sperimenterai in mia assenza. Hai ragione quando dici che sono una bambina, e ti sento così grande, da potermi nascondere dentro di te. Io ci provo, stanotte, ma tu insegnami a non avere paura di perderti, perché è questa paura che paralizza le mie mani, e quando ti guardo so di non avere scampo… Niente ti può essere rubato. Tutto ciò che hai è in te; ciò che è al di fuori, è senza importanza. In ogni tua cellula, sei Idea. Ho bisogno che tu sia mio. Ti sento come un gatto, come una bestia da accarezzare. Che sarà mai? »
( L’autunno )
« Pensa ai miei fianchi, piuttosto, e pensa che m’hai ipotecato la vita. E poi pensami ancora più che puoi, come ti penso io, oppure indossa il tuo Canali e andiamo a morire. Tutto ti voglio dare di me, fino ad essere prosciugata. No, non è letteratura, è l’amore oltre le normali aspettative, molto oltre. Mi manca il vapore della tua bocca muta. E sono metropoli in fiamme, solenne rovina che ispira te, unico superstite ».
( Sinfonia di clacson e di sirene; ubriaco, stordito, cerco che cosa )
« Malgrado tu sia magistralmente costruito ed io così dannatamente autentica, in te la mia demolizione. Di te ho bisogno, che sei il mio fondamento. Ti divorerei per tutta la notte, così domani avrei la bocca più bella del mondo. E ti vorrei dentro sempre, come organo vitale. Dormiamo insieme, nuoterei in un oceano di veleno, e tu mi abbracceresti. Tutta la notte. Quando scrivi riesci a farmi vedere le cose: è come se avessi due memorie. Per questo, è per questo che a volte sto zitta. Quelle lunghe lunghissime pause… in quei momenti, con gli occhi sbarrati, sembro una malata, lo so ».
( Le mie mani ti vogliono toccare la carne )
« Le mie bocche vogliono mangiare organi. Ci sono un paio di statue superstiti sotto il tetto della Triennale, ti vanno? Poi, sotto l’ampio arco, seconda porta a destra, ci sono io, in posa plastica. Ho molta fame. Scrivi una cosa cattiva ».
( Ti amo )
« Ti amo anch’io. E ora voglio che tu mi veda nuda, e voglio essere guardata avidamente mentre parlo, mi muovo e faccio cose. Nuda nudissima… Ma che cosa mi hai fatto… Hai visto? …non ho più neanche un livido ».
( Mi dispiace )
« Dispiacerti? Perché? »
( Perché il viola ti dona )
« Anche ai morti ».
( Giorno e notte, senza tregua )
« Senza misura ».
( Sto pensando alla tua bocca, al suo cavo infame )
« Lo senti anche tu? In questa stanza imperversa la perdizione. Sono la Vergine Funerea, il picchio senza il tronco, l’arco senza la freccia, cornea senza occhio, ombra senza corpo, merendina al cioccolato senza bimbo, lava senza vulcano, pus senza infezione, fiamma senza candela, campana senza din, mina vagante senza deflagrazione, fuso senza ago, morbidezza fusa senza sottiletta. Puttana senza rimedio ».
( Conta le pecore )
« Sei autenticamente cattivo. Ora te la dico io una cosa brutta: voglio un figlio da te, un bimbo mio e tuo. Avrei bisogno di abbracciarti e di sentire il tuo odore. Mi piace quando scrivi le cose. Per anni me le sono dette io, allo specchio. Mi sento le budella lacerate, chissà cosa mi stai facendo… »
( Ti sto amando )
« Lo senti il tifone, il magma primordiale, i buchi neri allo stomaco, il flutto risucchiante? Anch’io ti sto amando ».
( Sì, ti sento )
« Allora cercami dove non possa nascondermi. La mia bara è accanto al tuo letto: guardami bene. Io sogno l’immortalità del pensiero, dello sforzo che compio, e piango. E mi faccio piccola per essere abbracciata. Incompiuta, fuori dal tempo. Tu lontano. Vienimi vicino, passami accanto ora, sfiorami i capelli ».
( Squilla il telefono: tu rispondi. L’amica ti parla, o l’amico diventa amica per. Telefonata perfetta nel frangente perfetto. Io di qua di là con gli arti lacerati dal dubbio. Muscoli tesi fino allo spasmo. La vita che corre dentro. Io nella galleria del vento. Macchina sterile. Sono nella tua stanza, di nuovo )
« Ciò che non è controllabile è affascinante, non credi bimbo? Sputo sangue, ma ti aspetto: sarò punita per questo, e so bene che la punizione può essere inflitta o concessa. Scrivimi un’altra cosa, forse prima era un’allucinazione… o vuoi dubbi e incertezze, aleatorietà, silenzi, il verme del tormento, il terrore della perdita? Lo so… se solo riuscissi ad essere più donna, tutto sarebbe più semplice. Mi dispiace, veramente ».
(Straripamento. Macerazione. Spasmo. Tenerezza. Un’altra sigaretta )
« Stai lavorando? »
( Sto progettando. Concretezza )
« Io... »
( Inquadramento )
« l’apparecchio con cura, la tavola: sarà un concentrato di fastosità e prelibatezze e luccichii abbaglianti, per te, maschio ».
( Hai il volto esangue, ti si contano le costole. Sono a letto, inerte. Io dormo, tu tanto rimani con me tutta la notte. Borse Asia in lieve progresso. Auto: GM tratta per entrare in Fuji. Sidney: scontro treni, si aggrava bilancio. Euro in picchiata sul dollaro )
« Vado a comprare un paio di calze nere ».
( Disciplina. Rigore, ordine, misura, impegno, dedizione, coscienza, sacrificio. P.I.L. )
« Vorrei essere già vecchia, vicina alla morte. Non mi è concesso di possedere niente nella mia vita. Solo me stessa, quando ci sono. Ho bisogno di odori forti. Di carne calda. Fai finta che io sia una cosa, la tua Kawasaki, per esempio. Tua ».
( Dopo una folle corsa, fermarsi di colpo è immobilizzante, e sarebbe ancora più folle. L’ubiquità sarebbe la soluzione. Essere fermo, in un luogo, muoversi in un altro. Belle le costruzioni mentali, tipo: l’amore, la gelosia, gli inizi, le fini, i declini, il “non dolore”, la “non gioia”, i cambi di stagione, il poker, i picchi, le fatine )
« Fra noi c’è un dissesto molecolare... »
( un difetto neurale )
« che lotta con necessità e caso. Tutto ciò che dico non ha consistenza ».
( Non c’è incanto, non c’è un dentro, né un fuori )
« Il mio corpo di femmina è niente ».
( Niente è cambiato. Tutto è cambiato )
« È sempre troppo presto per guarire. È necessario dimenticarsi a vicenda. Dimenticarsi del perché, del dove, del quando. Buona notte, Caos ».
( Buona notte )

 



All rights reserved
© 2000 PsychoLand ~ visions of elsewhere

Sali in macchina a dirmi (venti cose brevi)

Karate icon. Io sono Luca Valdesi (incipit)
Incomprensione (incipit)

Ravavindrano (incipit)
L'elezioni

Selene, Maria

Il ricordo di Jezabel Khan

All'ultimo momento
Madonna nuda
Il ramo e la finestra
4'54"
Due farfalle
Uno scritto al suo scrittore
AnemoNero
Pannone
Il graffio parlante
Alcune considerazioni sulla bellezza dello sgorbio
Papà a Natale
Il Re puntino
Lettera elementale n. zero
Lettera elementale n. uno
Lettera elementale n. due
Lettera elementale n. tre
Lettera elementale n. quattro
Lettera elementale n. cinque
Paranoid lunch
L'Inganno di Becky
Il Zero
La valigia
Arancia
33
Non si lamenta
In farmacia
A memoria supponente (Hommage à César Franck)
Nell'officina del maglio a vapore
Inedia?
Buona notte, Caos
Rovinosa mente
Costruisci una frase usando il verbo amare
e poi fai l’analisi illogica

Grandi manovre (Campus)
Appuntamento
Lettera a Sir Joe
Un momento di solitudine
Puff! e l'onomatopea. Storia di un uomo che disparve
Michele della miniera
Dialogo tra la mia Mano Destra e la mia Mano Sinistra
Anne
Edificazione d’un hysteron proteron
su un fazzoletto di flora intestinale.
Il pensiero arcuato

Lettera a mio padre
Alla castellana
Per l'ultima volta un cane, un pollo, il caso e la luna. Lettera ad una scrittrice
Appunti sul suicidio di un entomologo algerino residente all'estero
Shinkansen Majorana