2° classificato al 1° Concorso Internazionale di Poesia e Narrativa Emozioni 2008
Finalista al Concorso Internazionale di Poesia e Narrativa Granelli di Parole 2007
4° classificato al X Premio Internazionale Lorenzo Filomusi Guelfi 2006



Nel marzo del 1970 Nino Becky, maestro elementare, individuò un fenomeno che ancora oggi non trova spiegazione.
Durante una scampagnata didattica alle pendici del Monte Soro, giunta che fu la scolaresca alla foce dell’Inganno, mentre illustrava ai suoi alunni in quanti modi un corso d’acqua può gettarsi in mare, l’insegnante fu attratto dal singolare comportamento di uno tra i tanti rivoletti: l’acqua che abbandonava il letto del torrente per dividersi fra gli innumerevoli rami del delta, una volta imboccato lo strano rigagnolo non entrava nel mare. Viceversa, il maestro Becky notò come l’acqua se ne tornasse indietro, risalendo contro corrente, fino all’alveo principale. Si invocò il prodigio e fu così che in un paio di giorni la notizia del rivo perverso fece il giro del mondo e dovunque si seppe della foce miracolosa dell’Inganno.
Sorte inaudita e che celebrità per Acquedolci e Sant’Agata Militello, due paeselli sulle sponde opposte del vallone, se non altro perché da ogni dove pellegrinaggi di studio e di contemplazione, le troupe televisive, l’interminabile andirivieni dei giornalisti dall’Italia e dall’estero e perciò inevitabilmente l’eldorado. E se tutto ciò stava realmente accadendo, se ora perfino il poveraccio portava scarpe da pascià, era solo merito di Nino Becky, il maestro di scuola elementare: era lui il padre della nuova prosperità. Un’intervista al giorno divenne il minimo ingaggio ed in un battibaleno due strade col suo nome, una a Sant’Agata e l’altra al vecchio borgo di Acquedolci.
Quando arrivò il dicembre del 1970, ancora perfettamente intatto l’entusiasmo del mondo che alla vista del torrente sbalordiva come il primo giorno, intervistato da un network americano Nino Becky, alla domanda perché l’acqua del rigagnolo non si riversasse nel mare, sparò l’affascinante congettura che non fosse l’acqua del rivoletto a rifiutarsi di sboccare nel Tirreno, ma che fosse piuttosto il mare a non volerlo unire a sé. Fu una cannonata. Chi non ricorda le conseguenze di quell’affermazione? La spianata del delta dell’Inganno fu convertita in un laboratorio a cielo aperto, dove scienziati provenienti da tutte le nazioni occuparono l’area per intero, brulicanti e determinatissimi a risolvere il caso Becky. Come non averci pensato prima, che occorreva dare una risposta? Eccelse intelligenze ben pagate, pagate più che bene, per mesi erano rimaste accampate attorno a uno scolo della Sicilia settentrionale soltanto per scattare foto ricordo? L’uomo sulla Luna, l’intervento a cuore aperto più altre innumerevoli amenità di cui andar certamente fieri e per l’Inganno, un fiumiciattolo non diverso da tanti altri se non fosse stato per, per l’Inganno nessuna reazione convincente?
Fra i molti esperimenti infruttuosi e più o meno deludenti, un paio addirittura ridicoli, finalmente risolutivo fu quello escogitato da un luminare francese, il quale pensò bene di versare una sostanza colorante a monte del rigagnolo: la brillante intuizione avrebbe consentito di analizzare il comportamento dell’acqua in prossimità del punto interessato. Il 6 dicembre 1970, davanti a miliardi di occhi spalancati in mondovisione, un’enorme cisterna di liquido colorato fu svuotata nel torrente, un chilometro a monte della foce. O la va o la spacca. L’acqua evidenziata scese a valle, come nulla fosse, come normalissima acqua che segue il proprio corso naturale anche se, certo a causa del momento sensazionale, a tratti pareva addirittura che scorresse più lentamente. Incollati allo schermo bimbi adulti e vecchi di tutte le forme e dimensioni, a seguire con la testa, per lunghissimi momenti, il percorso di quel liquido in cui adesso il mondo intero aveva riposto le proprie più intime speranze, fino a che, all’innesto del rivolo di Becky, il tratto colorato si sparpagliò imboccando i diversi rami della foce. Con gran rumore di pale gli elicotteri della televisione si ammassarono a perpendicolo sul piccolo rio, intanto che a terra gli operatori galoppavano e facevano a spallate e sgambetti per vincere l’inquadratura migliore, più vicino possibile alle transenne. Il momento era storico. Rintanato nella sua tenda da campo, lo scienziato inventore del test pensava al Nobel sbranandosi le unghie. I due maggiori Presidenti lievitavano davanti alle telecamere di Stato, sotto a quintali di cipria. Al numero 1 di via dell’Arco nasceva un bambino di quattro chili otto e cinquanta e quando dal piano di sotto gridarono al padre di fare presto, di correre che in televisione stavano facendo vedere come andava a finire, Nino Becky accarezzò la testa pelata di suo figlio e pensò « sinceramente, mi nni futtu ».

 



All rights reserved
© 2006 PsychoLand ~ visions of elsewhere

La bellezza dello sgorbio

Karate icon. Io sono Luca Valdesi (incipit)
Incomprensione (incipit)

Ravavindrano (incipit)
L'elezioni

Selene, Maria

Il ricordo di Jezabel Khan
All'ultimo momento
Madonna nuda
Il ramo e la finestra
4'54"
Due farfalle
Uno scritto al suo scrittore
AnemoNero
Pannone
Il graffio parlante
Alcune considerazioni sulla bellezza dello sgorbio
Papà a Natale
Il Re puntino
Lettera elementale n. zero
Lettera elementale n. uno
Lettera elementale n. due
Lettera elementale n. tre
Lettera elementale n. quattro
Lettera elementale n. cinque
Paranoid lunch
L'Inganno di Becky
Il Zero
La valigia
Arancia
33
Non si lamenta
In farmacia
A memoria supponente (Hommage à César Franck)
Nell'officina del maglio a vapore
Inedia?
Buona notte, Caos
Rovinosa mente
Costruisci una frase usando il verbo amare
e poi fai l’analisi illogica

Grandi manovre (Campus)
Appuntamento
Lettera a Sir Joe
Un momento di solitudine
Puff! e l'onomatopea. Storia di un uomo che disparve
Michele della miniera
Dialogo tra la mia Mano Destra e la mia Mano Sinistra
Anne
Edificazione d’un hysteron proteron
su un fazzoletto di flora intestinale.
Il pensiero arcuato

Lettera a mio padre
Alla castellana
Per l'ultima volta un cane, un pollo, il caso e la luna. Lettera ad una scrittrice
Appunti sul suicidio di un entomologo algerino residente all'estero
Shinkansen Majorana