Finalista al XIII Premio Letterario Internazionale Jacquès Prevert 2007


Per la milionesima sera, stasera io parto. Una volta ancora mi allontano dalla tua forma carnale, per giungere a te, amore, che ineluttabilmente chilometrico sei.
Per la milionesima sera stasera io parto: che enormità. Quanti segnali, tutti ugualmente memorabili, mi guidano al meglio.
Per la milionesima sera, stasera dunque io parto. Buono l’inizio, ma tu dove sei? Di te nessuna traccia. Macché universi, dentro di me; ma quali invidiabili infinità, o i geni di Paride, o quant’altro occupi spazio. No, non è affatto così: io parto e dentro me solo vuoto. Così stanotte ne cancella un’altra, e quella di domani divorerà questa come in un domino immorale, come l’amore più bello del mondo, come un altro milione di volte prima di adesso. E siccome la complessità non conosce regressioni, non vi può essere – se non nel tempo che ha da venire – un momento più complesso di questo: io che faccio la valigia.
Mentre guardo la valigia come se non dovessi più tornare, mi accorgo di aver pensato la stessa cosa tutte le altre volte; certo che a breve, quando l’avrò richiusa, tu sarai già parte di quella stupefacente incoscienza che dà la forza di aspettare. Un torpore solo tuo, misto a canzoni degli anni ‘70. Ed è così, proprio grazie al tuo attendere, che io vivo due vite: questa, che posso misurare e codesta, che è un sogno senza fine.
Sul fondo, le carte.
Sul fondo, tra carte che non leggerò e che trasporto solo per vizio, ricordo come non vi sia stata che quell’unica possibilità, che l’amore tra noi nascesse. La tua pazienza (è rovo) mi commuove quasi quanto la vista del tuo ventre (profumata piuma): forte di te (unica) io io io io (molteplicemente quadruplo) e tu (molteplicemente unica) forte di me, di me, di me, di me (di chi?). Pensi sia disordinato? Siamo solo un uomo e una donna, in fondo.
La scatola della biancheria intima.
Nella scatola della biancheria intima, la bolgia del Carnaval pazzesco: io smascherato scelgo a caso una travestita festante tra mille, la conduco nel vicolo buio, le sollevo la maschera e ti bacio. Sulla spiaggia, ad un tratto il cielo s’oscura, il mare si ritira e un gigantesco robot a forma di seppia emerge spaventoso dalle onde. È venuto a prendere te, per condurti nell’oceano in cui galleggiano le boe dimenticate; sull’orlo dell’apicco cimitero delle fate; in mezzo al nero niente della vera distante prigionia. In balia del tentacolo d’acciaio, il tuo ultimo sguardo è per il mostro meccanico: prima che ti finisca, lo vedi volger la testa al sole morente. E una lacrima. Pensi sia disordinato?
Lo scomparto per le cose se farà freddo.
Il Natale esalta la mia filantropia ed io spero di vederti presto. Dentro un vortice noi siamo, dentro a un meraviglioso vortice stradale di tornanti al culmine del quale fra poco io ti dirò « buon quello che vuoi tu, gioia mia » che sei acido filato e zucchero muriatico, e io ti amo. Anche da qua ti amo, certo, ma apri gli occhi adesso, e guardati intorno: l’immobilità di appendiabiti, cose e suppellettili nel tuo ingresso, non ti suggerisce l’unica risposta possibile? Che il tempo è già passato e da un momento all’altro io… Pensi sia disordinato?
Qualcosa da mangiare lungo il viaggio.
Ammetto l’ignoranza in materia di buon vino e mi trascino fra le tue insenature. Adesso già lontano – e forse avvertendo da me quella stessa distanza – qualcuno brindando m’invita « alla donna! »; io accosto le labbra al bicchiere, posando sulle tue un alito d’amaro. Una settimana fa a quest’ora, noi due ancora bruchi.
Il porta pillole.
Né la morte ci dividerà. Io settantuno, tu uno e settanta, sarà come adesso. Io al cimitero di, tu a quello di, sarà come adesso. E quando verrà il 3005, noi due, ancora.
Il telefono.
Nel buio delle campagne svettano i ripetitori: sembra che dormano, ignari del prodigio che i nostri telefoni spenti si raccontano nella notte.
L’orologio.
Amore mi piomba le ore più tarde, stuzzica i galli anzitempo. È così che andando non trovo riposo, ma penso ai tuoi occhi. Insieme guarderemo aerei che non esistono prendere il volo.
E adesso che tutto è pronto, niente di me ti è lontano, eccetto te. Più mi allontano, più mi avvicino. Più mi, più mi. Più, più. Pensi sia disordinato? Se l’Uomo Ragno avesse ricamato sul costume, in mezzo al petto, lo stemma della Mercedes, questo sì sarebbe disordinato. Ma perché non si chiude, allora?

 



All rights reserved
© 2006 PsychoLand ~ visions of elsewhere

 
La bellezza dello sgorbio

Karate icon. Io sono Luca Valdesi (incipit)
Incomprensione (incipit)

Ravavindrano (incipit)
L'elezioni

Selene, Maria

Il ricordo di Jezabel Khan
All'ultimo momento
Madonna nuda
Il ramo e la finestra
4'54"
Due farfalle
Uno scritto al suo scrittore
AnemoNero
Pannone
Il graffio parlante
Alcune considerazioni sulla bellezza dello sgorbio
Papà a Natale
Il Re puntino
Lettera elementale n. zero
Lettera elementale n. uno
Lettera elementale n. due
Lettera elementale n. tre
Lettera elementale n. quattro
Lettera elementale n. cinque
Paranoid lunch
L'Inganno di Becky
Il Zero
La valigia
Arancia
33
Non si lamenta
In farmacia
A memoria supponente (Hommage à César Franck)
Nell'officina del maglio a vapore
Inedia?
Buona notte, Caos
Rovinosa mente
Costruisci una frase usando il verbo amare
e poi fai l’analisi illogica

Grandi manovre (Campus)
Appuntamento
Lettera a Sir Joe
Un momento di solitudine
Puff! e l'onomatopea. Storia di un uomo che disparve
Michele della miniera
Dialogo tra la mia Mano Destra e la mia Mano Sinistra
Anne
Edificazione d’un hysteron proteron
su un fazzoletto di flora intestinale.
Il pensiero arcuato

Lettera a mio padre
Alla castellana
Per l'ultima volta un cane, un pollo, il caso e la luna. Lettera ad una scrittrice
Appunti sul suicidio di un entomologo algerino residente all'estero
Shinkansen Majorana