Amore mio dove sei? Dove sono io? Hai visto che successone, di là di fronte a Dio? È tutto come l’abbiamo immaginato. E allora guardami, ti prego. Riconoscimi. Singapore e orchidee a parte, niente è diverso. Guardami adesso, che devo dirti una cosa. Però, se ce la fai, prima pensa all’ultima volta che mi hai visto andare lontano; e che ancora più lontano presto o tardi me ne andrò. Pensa:
– che il tempo avanti a noi è finito, il tempo non ha significato;
– che dovrò lasciarti, se la natura segue un verso matematico;
– che dentro ai figli c’è sangue e che, presto o tardi, ce lo mostreranno e sarà un sangue amaro, innocuo eppur tremendo;
– che mille volte dall’uomo saremo sconfitti; ti attaccherò mille volte, e tu a me mille volte ti attaccherai ed io, mille volte sconfitto;
– che stanotte la festa finirà, dopodiché saremo soli al mondo.
Ora piega il foglio, stringilo nel pugno e guardami. Sto per dirti quella cosa, ma non parlerò. Te la dico dentro agli occhi, in prima persona singolare e al presente, e nessun altro capirà.

 

All rights reserved © 2007 PsychoLand ~ visions of elsewhere

La bellezza dello sgorbio

Karate icon. Io sono Luca Valdesi (incipit)
Incomprensione (incipit)

Ravavindrano (incipit)
L'elezioni

Selene, Maria

Il ricordo di Jezabel Khan
All'ultimo momento
Madonna nuda
Il ramo e la finestra
4'54"
Due farfalle
Uno scritto al suo scrittore
AnemoNero
Pannone
Il graffio parlante
Alcune considerazioni sulla bellezza dello sgorbio
Papà a Natale
Il Re puntino
Lettera elementale n. zero
Lettera elementale n. uno
Lettera elementale n. due
Lettera elementale n. tre
Lettera elementale n. quattro
Lettera elementale n. cinque
Paranoid lunch
L'Inganno di Becky
Il Zero
La valigia
Arancia
33
Non si lamenta
In farmacia
A memoria supponente (Hommage à César Franck)
Nell'officina del maglio a vapore
Inedia?
Buona notte, Caos
Rovinosa mente
Costruisci una frase usando il verbo amare
e poi fai l’analisi illogica

Grandi manovre (Campus)
Appuntamento
Lettera a Sir Joe
Un momento di solitudine
Puff! e l'onomatopea. Storia di un uomo che disparve
Michele della miniera
Dialogo tra la mia Mano Destra e la mia Mano Sinistra
Anne
Edificazione d’un hysteron proteron
su un fazzoletto di flora intestinale.
Il pensiero arcuato

Lettera a mio padre
Alla castellana
Per l'ultima volta un cane, un pollo, il caso e la luna. Lettera ad una scrittrice
Appunti sul suicidio di un entomologo algerino residente all'estero
Shinkansen Majorana

 
   

L'epistolario delle lettere elementali raccoglie messaggi che lo scrittore indirizza a destinatari non pubblicamente svelati.

Ogni lettera elementale contiene la sintesi del trasporto passionale dello scrittore per chi (o cosa), anche per il solo fatto di esistere, esprima nel bene o nel male un valore assoluto, con la forza e l'esclusività propria degli elementi essenziali.

Il riconoscimento dell'equivalenza del destinatario ad una delle sostanze semplici di cui è composto l'autore, coincide, ove possibile, con la consegna della lettera nelle mani del ricevente, altrimenti con l'atto stesso della scrittura.

[L'aggettivo elementale, nato nell'ambito teosofico, indica la peculiare caratteristica di una creatura costituita da uno solo dei quattro elementi (acqua, aria, terra e fuoco). Fonte: Wikipedia, l'enciclopedia libera].